Quando dare del tu o del lei?
Occasioni e Socialità

Quando dare del Tu o del Lei? La regola d’oro per essere impeccabile nelle conversazioni

 

Conversare è un’arte. Se vogliamo che chi sta parlando con noi si senta a suo agio e trovi piacevole la nostra compagnia dobbiamo riuscire a comunicare al meglio con l’interlocutore che abbiamo di fronte.

Ma come si fa?

Spesso l’imbarazzo può giocare brutti scherzi e può capitare di dare per errore del tu all’altra persona senza che tra noi vi sia la giusta confidenza.

Lascia che ti riveli un segreto:

Abbiamo tutti lo stesso timore!

Ogni settimana riceviamo molte domande su questo argomento. Qualche giorno fa ci ha scritto Maurizio, chiedendo: Quando conosco qualcuno, soprattutto se ha un’età simile alla mia, sono tentato di dare del “tu” ma, temendo di risultare maleducato, continuo a usare il “lei” col rischio di sembrare troppo distaccato. Quando è il momento giusto per iniziare a dare del Tu?

La risposta alla domanda di Maurizio è semplice: il problema, infatti, nasce proprio dalla nostra paura di sbagliare e di non centrare il momento giusto.

La realtà è un’altra

Oggigiorno il Tu è molto diffuso perché è idea comune che il Lei sia un eccesso di formalità, in realtà si parla di rispetto. Non si tratta di momenti, giusti o sbagliati, ma di rispetto nei confronti dell’altra persona.

Ti faccio l’esempio di Dante 

Il sommo poeta utilizzava molto il Tu ma con personaggi autorevoli e con Beatrice si rivolgeva con il Voi. 

Va bene usare il Tu con amici e colleghi e attenzione, non perché non si rispetti ma perché c’è anche una certa familiarità; ma con una persona appena conosciuta o con un superiore è sempre meglio utilizzare il Lei, fino a quando questa non voglia passare al Tu. Questo passaggio è cruciale: da quel momento cambieranno i ruoli e le conversazioni. 

Consiglio di non avere troppo fretta di passare al Tu, dare del Lei ci permette di dire le cose più incisivamente e con maggior distacco. Diamo quindi sempre la possibilità all’ospite o al nostro superiore di passare al Tu , ma quando avviene non insistiamo a dare ancora del Lei o peggio ci giustifichiamo  “Caro professore, non mi permetterei mai di darle del Tu”, dimentichiamoci queste frasi frutto di insicurezze e sudditanze. 

E’ importante ricordare però che il Lei è sempre simmetrico: non possiamo chiedere il Lei se diamo del Tu sia che siamo presidenti della repubblica, notai, impiegati, creativi o giornalisti.

In passato non era raro vedere la padrona chiedere il Lei e dare del Tu al proprio personale, allo stesso modo avviene nelle università di oggi, in questo modo non rimarcate la vostra posizione ma solo la vostra presunzione.

7 Commenti

  1. Chiara

    Io odio il Lei

    Rispondi
    • Pasquale

      Ho letto il Vostro articolo, ma la domanda che mi facevo invece è: con un nostro superiore, che possiamo chiamarlo direttore, comandante, professore o dottore etc… e ricevere del “tu”, ossia essere chiamato per nome o per cognome, qualcuno delle parti sbaglia? L’articolo parla della regola del LEI è del TU, va bene, ma credo che la mia domanda sia attinente!!! Grazie

      Rispondi
    • Uno

      Dare del tu da subito è volgare

      Rispondi
  2. MASSIMO ROSSI

    Secondo me è sbagliato dare subito del tu a persone che fanno la tua stessa professione, anche se questo è d’uso in tutti gli ambienti. Io, professore di liceo anziano, sopportavo male che certi supplentini giovani, che magari anni prima erano stati alunni miei, entrassero a scuola e cominciassero a darmi del tu. E’ una questione di rispetto dell’età e della dignità personale.

    Rispondi
    • Aldo Tebaldi

      Ha ragione, io da supplente giovane davo del tu solo ai colleghi coetanei, ma agli altri ho sempre dato del lei.

      Rispondi
  3. Cristina

    Il TU indiscriminato, quando si entra in un negozio, un ufficio etc, e magari da un/a ragazzino/a che potrebbe essere tuo m/a figlio/a, è una grave mancanza di rispetto e di educazione. Peggio ancora: si continua a dare del LEI è quello/a continua col TU. INTOLLERABILE! Si rispettano le buone maniere!

    Rispondi
  4. RAFFAELLA

    Buongiorno a tutti , vorrei un vostro in merito a questo
    Ultimamente mi è capitato più di una volta che persone con cui mi sono trovata a collaborare si auto autorizzino a chiamarmi per nome di battesimo dandomi del Lei, cosa che oltre a darmi sui nervi, trovo oltre modo ineducato oltre che vessatorio.
    Io sono dell’idea che o ci si da del Tu di comune accordo o del Lei , mischiare è mancanza di rispetto
    Se mi sbaglio ditemelo pure

    Rispondi

Invia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Empatia: come svilupparla grazie al galateo del cuore

Empatia: come svilupparla grazie al galateo del cuore

Tutte le relazioni, d’amore e non, possono presentare problemi dovuti a incomprensioni e malintesi. Anche se ci si sforza di comprendere il punto di vista dell’altro non sempre siamo capaci di capire che i nostri comportamenti sanno suscitare emozioni, negative e...

Conosci le regole
per divertirti ad infrangerle

 

contattaci >

Scopri il livello
delle tue buone maniere

 

fai subito il test >

Scrivici

Compila il form per ricevere informazioni o iscriverti ai nostri corsi.

GDPR

6 + 7 =

Contatti

+39 06-64003500

+39 339-2623864

+39 334-8068122

info@accademiaitalianagalateo.it