Quando dare del tu o del lei?
Occasioni e Socialità

Quando dare del Tu o del Lei? La regola d’oro per essere impeccabile nelle conversazioni

 

Conversare è un’arte. Se vogliamo che chi sta parlando con noi si senta a suo agio e trovi piacevole la nostra compagnia dobbiamo riuscire a comunicare al meglio con l’interlocutore che abbiamo di fronte.

Ma come si fa?

Spesso l’imbarazzo può giocare brutti scherzi e può capitare di dare per errore del tu all’altra persona senza che tra noi vi sia la giusta confidenza.

Lascia che ti riveli un segreto:

Abbiamo tutti lo stesso timore!

Ogni settimana riceviamo molte domande su questo argomento. Qualche giorno fa ci ha scritto Maurizio, chiedendo: Quando conosco qualcuno, soprattutto se ha un’età simile alla mia, sono tentato di dare del “tu” ma, temendo di risultare maleducato, continuo a usare il “lei” col rischio di sembrare troppo distaccato. Quando è il momento giusto per iniziare a dare del Tu?

La risposta alla domanda di Maurizio è semplice: il problema, infatti, nasce proprio dalla nostra paura di sbagliare e di non centrare il momento giusto.

La realtà è un’altra

Oggigiorno il Tu è molto diffuso perché è idea comune che il Lei sia un eccesso di formalità, in realtà si parla di rispetto. Non si tratta di momenti, giusti o sbagliati, ma di rispetto nei confronti dell’altra persona.

Ti faccio l’esempio di Dante 

Il sommo poeta utilizzava molto il Tu ma con personaggi autorevoli e con Beatrice si rivolgeva con il Voi. 

Va bene usare il Tu con amici e colleghi e attenzione, non perché non si rispetti ma perché c’è anche una certa familiarità; ma con una persona appena conosciuta o con un superiore è sempre meglio utilizzare il Lei, fino a quando questa non voglia passare al Tu. Questo passaggio è cruciale: da quel momento cambieranno i ruoli e le conversazioni. 

Consiglio di non avere troppo fretta di passare al Tu, dare del Lei ci permette di dire le cose più incisivamente e con maggior distacco. Diamo quindi sempre la possibilità all’ospite o al nostro superiore di passare al Tu , ma quando avviene non insistiamo a dare ancora del Lei o peggio ci giustifichiamo  “Caro professore, non mi permetterei mai di darle del Tu”, dimentichiamoci queste frasi frutto di insicurezze e sudditanze. 

E’ importante ricordare però che il Lei è sempre simmetrico: non possiamo chiedere il Lei se diamo del Tu sia che siamo presidenti della repubblica, notai, impiegati, creativi o giornalisti.

In passato non era raro vedere la padrona chiedere il Lei e dare del Tu al proprio personale, allo stesso modo avviene nelle università di oggi, in questo modo non rimarcate la vostra posizione ma solo la vostra presunzione.

0 commenti

Invia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Single e felice: 3 consigli del galateo del cuore

Single e felice: 3 consigli del galateo del cuore

Per l’ennesima volta la storia è andata male, naufragata come sempre. Come sopravvivere alla solitudine? Sembra che manchi tutto. Nessuno che si preoccupi per te, nessuno a cui raccontare la tua giornata, nessun messaggino del buongiorno. Così mettiamo in atto...

Conosci le regole
per divertirti ad infrangerle

 

contattaci >

Scopri il livello
delle tue buone maniere

 

fai subito il test >

Scrivici

Compila il form per ricevere informazioni o iscriverti ai nostri corsi.

GDPR

10 + 8 =

Contatti

+39 06-64003500

+39 339-2623864

info@accademiaitalianagalateo.it