Occasioni e socialità

senza buona educazione niente vita buona, ma neppure sopportabile, né serena, né dignitosa, né appagante” e perché, per citare una maestra indiscussa del saper vivere “l’assenza di regole (…) regala una falsa libertà, ormai lo sanno tutti”.

Le buone maniere sono da sempre, proprio per la loro stessa natura, un ottimo alleato per superare criticità, imbarazzi e disagi. Conoscere regole e comportamenti ci fornisce maggiore sicurezza in contesti ed ambiti anche molto diversi fra di loro e ci consente di essere a nostro agio in qualunque situazione, sostenendo in modo adeguato anche l’esigenza di chi ha desiderio di migliorare sé stesso.

L’università, così come la scuola, sono l’anticamera di quello che sarà il nostro posto di lavoro. Quando facciamo un esame, assistiamo alle lezioni o discutiamo una tesi stiamo comunicando qualcosa e trasmettendo un’immagine di noi.

Nella maggior parte dei manuali di buone maniere si consiglia di non gesticolare, d’altra parte In molti, però si consiglia spesso di non stare immobili e rigidi. La domanda che viene spontanea è: se non posso muovermi e non posso stare fermo, cosa posso fare?

Il 6 ottobre ricadeva l’inizio delle trasmissioni radiofoniche: ben 95 anni di storia. Vi siete mai chiesto come la radio si sta dimostrando un mezzo soltanto resistente all’era digitale di internet, delle informazioni veloci e dimenticate il secondo dopo? La radio da sempre ci porta all’ascolto alla riflessione.

Dopo la scorsa settimana veniamo ai consigli per gli uomini. Regola generale ricordate: dobbiamo essere coscienti che ogni nostra scelta rappresenta un messaggio che viene lanciato alla società.

Per argomenti di questo genere non c’è Fashion Week che tenga, ciò che ci deve guidare è l’essere consapevoli del potere simbolico dell’abito, dobbiamo essere coscienti che ogni nostra scelta rappresenta un messaggio che viene lanciato alla società.

Le buone maniere possono aiutarci a conoscere meglio noi stessi e il modo in cui viviamo. Purtroppo per molte persone consistono solamente nell’acquisto dei piattini del pane e nello sbucciare una mela con forchetta e coltello. Scopri tutto il nostro mondo.

La gentilezza è una delle basi solide su cui si erigono le buone maniere, qualcosa di radicato e di prezioso, che non si esaurisce in semplici gesti rituali, ma è in grado di dar vita ad una vera e propria inclinazione interiore, che ci connette a chi circonda in modo intimo ed essenziale, dal piano personale, all’ambito professionale, in ogni tipo di esperienza e di confronto.

Se negli anni Settanta furoreggiava il crochet, il bikini lavorato a uncinetto con slip a vita bassissima e reggiseno a triangolo, al giorno d’oggi c’è proprio l’imbarazzo della scelta: con reggiseno a coppe e culotte che coprono l’ombelico, slip a vita bassa e top con il reggiseno delle giocatrici di beach volley, intero con grandi scollature sulla schiena o con forme sempre diverse.

Mostra altro