Come vestirsi ad un matrimonio?

Colori e profumi della primavera che caratterizzano questi mesi, fanno sì che tra maggio e giugno arrivi anche per te la fatidica partecipazione.

Appena ricevuto l’invito, la domanda sorge spontanea: “come mi vesto?”

Queste domanda non è semplice e soprattutto non può avere una risposta definita e applicabile a tutti i casi.  Per qualsivoglia occasione, la scelta dell’abito deve tener conto di almeno quattro variabili: indicazioni date dall’organizzatore, ambiente dove viene organizzato l’evento, l’occasione o ricorrenza e, infine, l’orario. 

Per un matrimonio pomeridiano una signora può prevedere un vestito da cocktail; per la sera sarebbe meglio indossare un vestito da cerimonia. Ciò che bisogna tenere sempre presente è che ad un matrimonio non dovremmo mai eccedere, rischiando di mettere in ombra la sposa e le damigelle.

In generale le signore potranno giocare sul colore e sulla scollatura, avendo la cura, però, di indossare, durante la cerimonia, una stola che possa coprire spalle e scollatura.

 

I collant: molte di voi lettrici non saranno d’accordo, ma vanno indossati in qualunque occasione evitando sempre e comunque gonne troppo corte e pantaloni. 

Per quanto riguarda la borsa sarà di piccole dimensione; mentre per le scarpe, le décolleté con tacco sono d'obbligo. 

I capelli dovranno essere raccolti e in nelle situazione maggiormente formali è corretto l’uso di un cappello; in questo ultimo caso la discrezione deve essere d’obbligo per evitare di essere la coppia italiana di Camilla, duchessa di Cornovaglia. 

 

Per concludere la nostra Shubha Marta Rabolli vuole darvi cinque preziosi consigli:

Qualunque sia il codice che più vi appartiene ci sono comunque alcuni trucchetti per non cadere in errore:

• Adeguatezza all’occasione: l’appropriatezza si sa è mezza bellezza. 

 

• Confacenza al proprio fisico: conoscetevi ed esaltate i punti forti, minimizzando quelli deboli. Meglio essere ricordate per delle belle scollature che per le gambe storte. 

 

• Taglia perfetta: meglio evitare sempre i due opposti, né il troppo piccolo ma nemmeno l’oversize stile “sacco di juta”. 

 

• Non è sempre Natale: meglio non agghindarsi stile albero di Natale. Se indossate un bel paio di orecchini, evitate la collana. Se avete un anello importante meglio evitare il bracciale. 

 

• Il dettaglio personale: perché nessuno si scordi della vostra presenza il trucco è utilizzare una sorta di segno di riconoscimento, che vi contraddistingua, da indossare il più spesso possibile.


Scrivi commento

Commenti: 1
  • #1

    Carlo (martedì, 10 settembre 2019 14:26)

    Vorrei sapere se l'indirizzo del mittente va scritto su un invito ad una seduta di laurea con relativa cena