La cena perfetta ❤️

Sta per arrivare San Valentino ed è ormai consuetudine, usare il famoso 14 Febbraio per cenare con il proprio compagno/a. Molte sono le diatribe tra chi festeggia e chi no, tra chi pensa che si dovrebbe dimostrare il proprio amore sempre e non un giorno. Ma non vogliamo certo addentrarci in questo mondo, ma piuttosto usare il contesto della cena più romantica e intima di sempre per dare alcuni suggerimenti sull’ABC della cena perfetta: scegliere i piatti per la cena. 

In alcuni film si vede il cavaliere che decide e ordina per la compagna, attenzione però questo comportamento non è galante ma cafone! Ed è il buon senso prima che le buone maniere a spiegarci il perchè: in generale infatti se invitiamo qualcuno al ristorante sicuramente potremmo consultarci con il nostro ospite prima di ordinare e magari aiutare nella scelta, indirizzando l’ospite ai piatti migliori e suggerendo le specialità della casa, senza mai insistere. Questa è una grande prova d’amore affinché la cena di San Valentino sia veramente perfetta dovrai conoscere bene i gusti del tuo partner. Scegliere il più bel ristorante di pesce in riva al lago se la tua metà non mangia pesce, potrebbe essere fatale. 

 

Un’altra cosa ci teniamo a precisare: le modifiche ai piatti non fanno di voi persone chic ma vi rendono assolutamente volgari e irrispettosi, e poi pensateci: cosa potrebbe pensare il vostro ospite se lo portate in un ristorante consigliando piatti a cui poi cambierete ingredienti a vostro piacimento? Se oltre ai piatti volete decidere anche gli ingrediente forse era il caso di preparare una cena a casa ;)

Alla base di tutto però ricordate che invitare al ristorante è come invitare a casa, dobbiamo assicurarci del benessere delle persone, maggiormente se l’altra persona è la donna / uomo della nostra vitta. Ovviamente oltre ad ordinare il cibo ordinerete anche vino  giusto per i piatti che andrete a mangiare. 

Il menù senza prezzo è una scelta molto elegante e discreta che però deve rispettare alcune accortezze, anche se oramai solo pochi ristoranti hanno i menù senza prezzo. 

Se siamo invitati lasciamoci guidare dall’invitante nella scelta. Evitiamo di scegliere i piatti più costosi (anche se non ci sono i prezzi conosciamo tutti il valore dell’astice e del tartufo bianco) potrebbe sembrare che ci stiamo approfittando dell’invito. Evitiamo anche di scegliere i piatti più semplici del menù per non mortificare chi ci sta invitando. 

Le buone maniere sono l’arte dell’equilibrio e la raffinatezza risiede sempre nell’ascolto dell’altro, se lo tenete a mente non sbaglierete quasi mai.

 


Scrivi commento

Commenti: 0