· 

Galateo delle mostre e vernissage

Esiste un galateo per le mostre d’arte e per le presentazioni di libro?

Che domanda! Assolutamente si! 

La dura realtà che investe tali occasioni è che ormai a mostre, vernissage e presentazioni è difficile trovare amanti della letteratura e dell’arte. E' invece più facile trovare  gli amanti della mondanità, ma forse considerando quanto disse Andy Wharol “A ben vedere forse i grandi magazzini sono un po’ simili ai musei" lo è sempre stato.

Veniamo ora alle buone maniere da seguire.

In generale qualsiasi sia l’occasione: 

  1. Evitate i commenti banali ed evitate la parola “bello” è molto disprezzata nel mondo della cultura, meglio riportare i vostri complimenti ad un particolare che vi ha colpito
  2. Ritardo si! Ma solo con qualche minuto, e comunque non superiore al quarto d’ora.
  3. Probabilmente sarà previsto un buffet. La parola d’ordine non è “all’attacco” ma bensì compostezza, ordine e moderazione. Durante l’aperitivo o il cocktail si cercherà di parlare dell’opera e  ricordate di non cadere mai in commenti negativi, siete in quell’occasione per vostra scelta e non per obbligo. Avere una buona proprietà ed adeguatezza del linguaggio e cultura è la vera raffinatezza dell’anima.
  4. L’abbigliamento dovrà essere accordato all’evento: Evitiamo di essere troppo eleganti in occasioni “OFF” o underground e, al contrario, evitiamo di essere troppo sportivi in luoghi prestigiosi. 

Vediamo alcuni punti per le presentazioni dei libri.

  1. Partiamo dall’ABC, se siete invitati o avete deciso di presenziare per una qualsivoglia ragione: acquistate e leggete il libro! Non solo è una forma di rispetto per l'autore ma soprattutto così facendo modo da avere materiale critico per affrontare una conversazione.
  2. Volete una dedica? Non è necessario ma se volete farlo sicuramente l’autore sarà contento di accontentarvi.

 Per i Vernissage i consigli sono simili ma con qualche accortezza in più. Sicuramente, come per le presentazioni di libri, il vernissage o l’inaugurazione di una mostra sono delle occasioni mondane che hanno però alla loro genesi un atto artistico, quindi se siete completamente digiuni è opportuno informarsi debitamente.

 L’artista sarà sempre presente ed è doveroso comportarsi con lui come fosse il padrone di casa, verrà salutato al nostro ingresso e al congedo. 

Occhio a non rimanere impalati, è importante fare il giro completo dell’esposizione prendendosi tutto il tempo necessario per comprendere le opere.

Assolutamente no al chiacchericcio e ai telefoni. Le opere vanno ammirate. Allo stesso modo  fotografarle è quasi un furto e soprattutto darà fastidio agli altri partecipanti e non vi farà godere davvero la visita.

Può capitare che un’opera vi abbia colpito particolarmente, in quel caso si potrà procedere con l’acquisto. Per questa operazione rivolgetevi al gallerista o all’organizzatore mai all’artista stesso. Occhio a non farne una questione di prezzo e a non aspettarvi un ringraziamento immediato. In tal proposito sarà cura dell’artista, nel momento della consegna, di far accompagnare l’opera con un biglietto di ringraziamento. 

Infine la questione degli omaggi per l’artista. Oggetti, altri libri o fiori molte se ne vedono.  Sono però  ammessi soltanto i fiori,  meglio ancora se fatti recapitare alla fine dell’evento per evitare imbarazzo e impegno dello scrittore a trovare un luogo consono durante i momenti essenziali per le sue relazioni pubbliche.

test livello buone maniere

Scrivi commento

Commenti: 0