· 

1639 L'eclissi di una principessa

Durante il Cinquecento e il Seicento l’aristocrazia europea visse un periodo di splendore dimostrato nei lussuosi festeggiamenti. Il rapporto tra buone maniere ed eventi sociali era molto stretto, quasi tutti i gesti e comportamenti erano codificati in “creanze convenevoli”. La danza, la conversazione, i gesti delle dame e dei cavalieri erano ricche di simboli e significati.

In occasione dell’eclissi di luna di questa sera, visibile anche dall’Italia e la più lunga di tutto il ventunesimo secolo, vogliamo riportare alla luce un festeggiamento nel quale buone maniere, evento festivo ed eclissi sono i protagonisti.

 

Siamo nella splendida Napoli del 1639 in piena epoca barocca, periodo nel quale tutta l’Italia era ritmata da fastosi festeggiamenti ricchi di opulenza, buone maniere e cordialità.

Nel 1639 nasce l’Infanta di Spagna e il vicerè di Napoli duca di Medina de las Torres organizza una meravigliosa festa che comprendeva, come di consueto, fuochi d’artificio, cavalcate, rappresentazioni, musica e danze.

Una delle rappresentazioni era ispirata all’armonia celeste ed erano coinvolti 36 cavalieri, la viceregina Anna Carafa e le sue dame. La principessa e le dame erano il sole con i suoi raggi, e i loro volti si presentavano con una splendida maschera nera.

Al cospetto del vicerè la principessa si liberò dalla maschera; non era più il sole ora, ma una bellissima luna liberata dall'eclissi vicina al suo sole, il vicerè, e le dame da potenti raggi si tramutarono in sognanti stelle. Le dame infatti erano vestite con una gonna bianca ricamata in argento e una parte superiore nera, anch’essa ricamata in argento. I colori, erano quelli della dea Diana cacciatrice. Il loro volto era coperto da una maschera di velluto nero.

Un gioco di eleganza, di colori e di simboli si fondono in un unico evento, la danza fu così complicata e ambiziosa da voler comporre, con i danzatori che formavano le lettere, una frase inneggiante agli arciduchi per i quali ballavano.

La principessa si libera dell’oscurità per brillare vicino al suo sole, l’eclissi e la sua simbologia nefasta viene dissacrata con un atto sociale. Il galateo è una chiave di lettura della storia.

Le parole del cronista della festa del 1639 raccontano:

“Si portarono per una suavissima calata al piano della Sala, et ivi, per primo invito o saluto del ballo ricevute da un  concorde applauso del canto, del suono,  s’accinsero all'impresa. E la prima che guida il Coro, e quasi il Corifeo del ballo la Principessa, o pur facendo con doppia face scorta all’ altre stelle seguaci; finchè giunta avanti all’Eccellentissimo suo Mario si smascherò; e sgomberando dal volto la benda importuna, comparve libera d’ogn’eclissi fuor dal suo Mondo, e presso al suo Sole. Ripigliarono la tracci, e l’esempio l’altre, che nel punto del medesimo passaggio si sbendavano la Maschera; e calata quasi di nuovo la visiera, si sparsero affatto in campo non men da guerriere, che da cacciatrici “


Scrivi commento

Commenti: 0
accademia italiana galateo
DELL'ACCADEMIA SI DICE

DICONO DI NOI


Accademia Italiana Galateo e Buone Maniere

Roma 

Milano

Torino

Firenze

 +39 06-64003500

+39 339-2623864

info@accademiaitalianagalateo.it

Condividi!