· 

Sono, dunque seduco

Farfalle nella voce, tigri nella mente: corso di seduzione elegante.

 

Sono, dunque seduco: la seduzione è ovunque. In un colloquio di lavoro, nei rapporti di amicizia e in quelli con gli sconosciuti. Certo, la seduzione è anche nel gioco dell’amore, ma pensare che si trovi solo qui non è solamente scorretto, ma anche limitante. Ma cosa vuol dire sedurre? E come migliorare la consapevolezza e la pratica di questa splendida arte che rappresenta il sale della vita? 

 

Il significato che al giorno d’oggi viene dato al termine seduzione è rimasto incastrato nelle maglie strette della superficialità e della poca eleganza per molti anni. Difatti la seduzione viene spesso confusa con modi di fare caratterizzati da scarso acume, lacunose buone maniere e addirittura sfacciataggine. Queste maniere sono spesso destinate a riflettere una goffa immagine della persona che le pratica, oltre ad essere decisamente controproducenti.

La vera seduzione, quella elegante, è un miscuglio di arguzia, consapevolezza e conoscenza delle regole del gioco ed ha la particolarità di rendere estremamente gradevole, agli occhi degli altri, chi sappia praticarla. Sta dunque a noi liberare il nostro potere seduttivo per poterne beneficiare completamente. Imparare a sedurre elegantemente è un percorso bello e vitale che può cambiare l'esistenza di chi si cimenti nella conoscenza della materia, e non solo dal punto di vista amoroso. Come imparare ad essere seducenti? Questa arte può essere appresa e, per migliorare di molto, bastano già pochi passi. Andiamo a scoprire il primo e forse il più importante miglioramento che dovrebbe esser fatto per iniziare ad aumentare il proprio potere seduttivo.

 

Riconsideriamo la frase iniziale: sono dunque seduco. D'accordo, ma chi sono? Questa domanda, che sembra banale, ha in realtà un'importanza capitale per trasformarsi in esperti di tecniche di seduzione. Per comprendere perché sia così rilevante, ci serviremo dell’aiuto di un meraviglioso gioco tattico, il gioco degli scacchi.

Uno degli errori spesso commessi da chi sia alle prime armi con questo gioco, è quello di non armonizzare il lavoro di tutti i propri pezzi sulla scacchiera. Questo errore può insegnarci molto più di quanto si possa immaginare.

Per fare un esempio, le bambine che iniziano a giocare a scacchi, spesso lasciano la regina ad annoiarsi nella casella iniziale per paura di perderla. Questo accade per via dei condizionamenti sociali: le bimbe si identificano solo con questo pezzo e farebbero di tutto pur di non privarsene, perché questo significherebbe per loro la fine del gioco. Inoltre, quando la regina si muove, le bimbe possono sacrificare l'obiettivo del gioco, o perdere molti altri pezzi, pur di proteggerla. Questo è un errore che viene spesso commesso nella vita di tutti i giorni e che rende poco seducente chi lo commette. Ad esempio, una ragazza che pensi che essere seducenti e femminili equivalga solo all’avere un gradevole aspetto estetico, è decisamente fuori strada. Il mondo è pieno di donne belle, mentre le persone seducenti sono molto più difficili da trovare, oltre ad essere più preziose. La domanda “chi sono” è di capitale importanza proprio per questo motivo. Se una bambina non spezza i condizionamenti, scoprendo tutti i lati della sua personalità, sarà destinata a dare importanza ad un solo aspetto di se stessa e a giocare la sua partita con una piccola parte dei pezzi che ha a disposizione sulla scacchiera per vincere. Questo vale anche per altri aspetti dei bimbi maschi ovviamente, che per via dei condizionamenti non si concedono di identificarsi in alcuni aspetti socialmente poco popolari. Perdere questi aspetti equivale a perdere delle importanti parti di sé stessi, come se fossimo automobili che viaggiano solo con le marce basse e non passino mai a poter sviluppare tutta la propria potenza. Dunque, per essere seducenti, dobbiamo in primo luogo avere chiaro chi siamo. Solo in questo modo potremo far muovere armonicamente tutti i pezzi sulla scacchiera, divenendo persone seducentemente armoniche. Vi sembra complicato? Niente paura. Per arrivare all’obiettivo c’è il corso di seduzione elegante dell’Accademia Italiana di Galateo.

 

Roberta Rossi Brunori 


Scrivi commento

Commenti: 1
  • #1

    Sandra Fioravanti (lunedì, 06 agosto 2018 21:39)

    Gentilissimi,
    Vi leggo sempre con piacere. Grazie di tutto e buon lavoro.